Società Bocciofila Crimea a.s.d.

1892

L'attuale sede della Società Bocciofila "Crimea" 1892.

      

Informazioni aggiuntive

Società

Società Bocciofila Crimea a.s.d.

Anno fondazione

1892

Sede

Corso Moncalieri 74

CAP

10133

Città

Torino

Provincia

TO

Regione

Piemonte

Telefono Società

011.6602211

Fax

011.6602211

E-mail Società

bocciofila.crimea@gmail.com

Numero soci

120

Numero tesserati

15

FSN/DSA/EPS

FIB

Discipline

bocce

Impianti

n. 1 campi da bocce in bocciodromo indoor, n. 3 campi da bocce all'aperto, sede sociale, spogliatoi

Colori sociali

blu e rosso

Affiliato UNASCI

SI

Affiliata UNASCI negli anni

2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017

Pagamenti

, , , , , , , ,

Presidente

Clara Bocchino

Telefono Presidente

011.885974

La società fu costituita nel 1892 ad opera di un gruppo di persone qualificate ed ebbe la sua prima sede in corso Oporto, oggi corso Matteotti, proprio col nome di società Bocciofila di corso Oporto.
Per sopperire alla mancanza di spazi, nel 1900 la società si trasferì in corso Giovanni Lanza su un terreno acquistato appositamente e solo nel 1929, in seguito all’espansione della città, la proprietà venne ceduta al Comune in cambio dell’uso di una nuova sede in corso Moncalieri 74, ancora oggi usufruita dalla Società Bocciofila Crimea.
Si trattò di un grosso impegno finanziario e organizzativo, segno di grande volontà e capacità degli amministratori di quel tempo nel realizzare simili iniziative.
La sede si trova sulla riva del Po, proprio di fronte al Castello del Valentino e oltre ad offrire una visione panoramica veramente stupenda e il piacere di ritrovare momenti di pace e tranquillità, ottempera all’art. 1 dello Statuto che recita: “Scopo preciso della società è la riunione dei Soci per il gioco delle bocce, inteso come divertimento sportivo”.
Tra i tanti presidenti che si avvicendarono alla guida della Società Bocciofila Crimea, sono da ricordare in particolare quelli che diedero un impulso decisivo con opere di ampliamento ed abbellimento: il cavalier Giuseppe Copperi, il senatore Teofilo Rossi, il commendator Marco Antonelli, il commendator Edilberto Cavallo e il cavalier Uff. Quirico Drusi.
Nel dopoguerra, dal 1945, la società si lanciò nell’agonismo del campo delle bocce, partecipando alle gare del circuito che allora si chiamava “Gruppo Amicizia”.
Seguì l’aggregazione, quale società rivierasca del Po, al Gruppo Canottieri, benché l’attività remiera non sia mai stata veramente avviata in senso agonistico.
Nel ’54 col presidente Cavallo, le strutture, nella filosofia operativa di “fare della Crimea un Circolo modello” si rinnovarono completamente: nacquero i nuovissimi campi da bocce separati dai grandi alberi di alto fusto, la palazzina si alzò di un piano, acquistando l’enorme salone capace di oltre cento persone, I campi coperti invece, invidiati da molte società in città, arrivarono con la presidenza successiva, quella di Drusi.
Durante la disputa del campionato sociale, evento importante per la società che durò a lungo, negli Anni Sessanta del secolo scorso il primo premio per il vincitore era una autovettura Renault.
Affiliata alla Federazione Italiana Bocce, la Società Bocciofila Crimea indirizzò l’agonismo boccistico anche nel particolare circuito intersociale chiamato “Gruppo Eridaneo”, che ospitava tutti i club del Lungo Po, dall’Armida alla Cerea.
Primaria dunque fu sempre l’attività delle bocce, con gare sociali intervallate dalle intersociali (pure notturne) del circuito “Eridaneo”.
Se la gara individuale societaria era l’appuntamento annuale principale, importanti erano anche altre manifestazioni organizzate, quali la “Coppa Scanavino” a coppie, terne e quadrette, la “Coppa Rivella” ad invito, per arrivare poi alla prestigiosa “Coppa del Centenario” allestita nel 1992.
Questa la sequenza dei presidenti dal 1892 ad oggi: Giuseppe Mina, Maurizio Ciancia, Guglielmo Alessandro, Gr.Uff. Conte Teofilo Rossi, Giuseppe Copperi, Giuseppe Molinari, Conte Filippo Giordano Delle Lanze, Marco Antonetto, Edilberto Cavallo, Quirico Drusi, Giuseppe Giubergia, Franco Alfè, Agostino Barbera, Sergio Cattaneo, Tito Poggio, Giovanni Boidi, Giuseppe Bertone, Lorenzo Garrone, Nino Defilippis (noto campione di ciclismo degli anni ’60, deceduto il 13 luglio 2010) ed infine Angelo Marello, attuale Presidente.
L’edificio della società ha subito dei grossi danni con l’alluvione del 2000, ma grazie all’apporto dei tanti soci è ritornata ad essere uno dei Circoli più apprezzati di Torino. E’ attualmente sede dell’Associazione Piemontese Corridori Ciclisti, presieduta in passato dai compianti Antonio Covolo e prof. Enrico Peracino, ed attualmente da Guido Messina, campione olimpico di Helsinki 1952 su pista e pluricampione iridato e sostenuta dai vice Franco Balmamion, Italo Zilioli e Giorgio Occhiena.

Il 5 marzo 2018 è stato eletto nuovo Presidente della società Clara Bocchino, la quale ha intenzione di ampliare la pratica dell’attività sportiva con alcune nuove discipline come ad esempio il tennis tavolo.